Apr 142011
 

Facendo il rappresentante ed essendo spesso in autostrada, l’email che ho ricevuto stamattina sinceramente mi ha leggermente inquietato.

A quanto pare è una pratica piuttosto diffusa, ma io non ne ero a conoscenza, spero quindi che questo articolo possa mettere in allerta e “salvare” altre persone da possibili tentativi di rapina.

Di seguito vi riporto due testimonianze, in cui viene spiegato nel dettaglio la tecnica per incastrare il malcapitato.

1° testimonianza

Cari amici e colleghi volevo informarvi su un’esperienza avuta e che può essere utile a tutti in futuro.

Ieri pomeriggio (ore 18 circa) sono stato oggetto di un tentativo  di furto o rapina mentre ero sul tratto dell’autostrada Roma Fiumicino direzione Roma, altezza Parco Medici.

Io ero sulla corsia di sorpasso, quando ho sentito un colpo che proveniva dalla fiancata destra della mia vettura, come se ne avessi urtato con il mio specchietto un’altra. Subito dopo ho notato che una macchina(una Lancia Y bianca) mi stava lampeggiando da dietro. A questo punto ho rallentato pensando, non tanto che avessi urtato un’altra vettura, ma che ci fosse per esempio la cintura di sicurezza del passeggero fuori dallo sportello o qualche altra cosa che poteva aver provocato quel rumore. Nel frattempo sono stato raggiunto e superato dalla vettura che mi lampeggiava e gli occupanti mi gesticolavano per farmi capire che ero matto e che mi dovevo fermare. Il conducente di questa vettura ha messo la freccia per fermarsi nella corsia di emergenza ed anche io mi stavo per fermare. Però mentre la Y bianca mi stava superando avevo notato che nell’interno c’erano 4 zingari, due uomini e  due donne, ed inoltre mi sono ricordato di un’avventura  simile vissuta da un  altro nostro collega. A questo punto sono rientrato nelle corsie di marcia dell’autostrada e sono arrivato a Roma.

Immediatamente sono andato al Commissariato Eur per sporgere denuncia e il poliziotto mi ha detto che è da tempo che stanno succedendo queste cose e che mi era andata bene  in quanto, normalmente, il ‘giochetto dello specchietto’ finisce o con il furto dell’auto o con una rapina (soldi e carte di credito) o, in alcuni casi, anche con il sequestro della persona e l’obbligo al prelievo presso sportelli Bancomat o, come non bastasse, con percosse.

Purtroppo da quanto ho capito è un tipo di crimine abbastanza ricorrente in tutta Italia e l’unico consiglio che mi è stato dato dalla Polizia è quello di non fermarsi mai in autostrada ma arrivare in un’area di servizio chiamando, nel frattempo, il 113 con il cellulare. Ho pensato che sia utile che questa mia esperienza fosse portata a conoscenza di tutti gli amici che per motivi  sia di lavoro che di vacanze transiteranno su autostrade e tangenziali.

2° testimonianza:

Sono scampato per un pelo ad un moderno assalto alla diligenza, in autostrada, nel tratto Bergamo – Milano, ore 10 del mattino.

Modalità identiche: colpo sulla mia fiancata destra, tipo urto di specchietti in fase di sorpasso, e poi lampeggianti che non ti mollano finché non accosti. Mi sono salvato solo perché, dopo aver accostato in piazzola (Errore! Ma è veramente facile cascarci), ho bloccato le portiere e  non sono sceso dall’auto, come venivo insistentemente invitato a fare per constatare il danno allo specchietto, messo in allarme dall’insistenza del personaggio che si era avvicinato a piedi al mio finestrino, e dall’aver intravisto una seconda persona, ancora sull’auto assalitrice, ma pronta a intervenire alle mie spalle appena fossi sceso. Io ero solo, loro erano in due, nessun’altro in giro, se non auto che sfrecciano  a pochi metri…. Ho messo in moto e mi sono dato letteralmente alla fuga.

Ovviamente lo specchietto non era danneggiato, ma la fiancata era segnata, come da una bastonata data quando, in sorpasso, le auto sono vicine, ma non si toccano.

Stesso commento della polizia stradale: succede MOLTO spesso; non fermatevi, se non in area di servizio presidiata, ma chiamateci al 113 col cellulare! State all’occhio e avvisate amici e colleghi: spero che non vi capiti, perché non è una bella esperienza.

Spero non mi/vi capiti mai, ma nel caso sapete già come comportarvi….gas a tavoletta e chiamare 113, se è possibile io prenderei anche il numero di targa 😉

  • Topricky

    Questa storia gira già da parecchio tempo, sinceramente non so se sia vera o leggenda metropolitana. Forse basta stare attenti e non essere troppo “ingenuotti”. Comunque è sempre bene avvisare le forze dell’ordine, giusto per cautelarsi e soprattutto cercare di valutare chi è alla guida, quanti sono, e le intenzioni che hanno.

    • vera o non vera poco importa, di certo non è irreale, quindi meglio essere preparati…non si sa mai 😉

  • lory

    ho letto solo due inteventi che che hai fatto:
    1 su MADBID
    Giusto ieri sera ho fatto l’iscrizione e oggi, nel prendere informazioni su come iniziare, sono arrivata a leggere il tuo articolo che, facendomi capire come funziona il meccanismo mi hai fatto perdere ogni interesse…… Se proprio voglio tentare la fortuna prendo un gratta e vinci.
    2 Ora questo sulle rapine in autostrada.
    Li ho trovati veramente molto utili e mi piacerebbe avere il tuo permesso per condividerli su fb . CIAO LORY

    • swarro

      certo che puoi condividerli, scusa per il ritardo nella risposta, ma evidentemente il blog ha avuto problemi e non mi arrivavano più le notifiche di nuovi commenti

  • GIOC

    Gioco ,ogni tanto al Superenalotto ( 1 € ) Generalmente non guardo nemmeno i risultati delle estrazioni,poichè se ci fosse una vincita penserebbe l’edicola pressso la quale ho giocato a far pubblicità. Non ho calcolato le possibilità di vincere, so che quella di perdere il mio euro sono infinite. Mi domando solo le estrazioni possono essere ” guidate” ?

    • probabilità di fare 6 al superenalotto: 1 su 622.614.630 …auguri!!! 😉

  • Paolo

    Ho subito la stessa cosa sabato pomeriggio,vicino Salerno.
    Ho sorpassato un auto che poi mi è venuta addosso(stava per spingermi contro il guard rail).
    I due occupanti mi hanno fatto segno di seguirli ed ammetto che ingenuamente,visto che mi hanno inseguito e quasi bloccato,mi sono fermato.
    Mi hanno fatto guidare poi fino ad un casello(naturalmente nella zona del casello e non vicino) ed alla fine hanno preteso dei soldi(dai trecento euro iniziali si sono accontentai di cinque)non prima di avermi minacciato…
    Per la paura non ho preso nemmeno la targa…