Gen 142012
 

Qualche giorno fa sono stato contattato tramite email da un certo Nick di Bidrivals.com, forse ha letto gli articoli che ho scritto parlando di MadBid e PrezziPazzi, non capisco quindi come abbia potuto credere che avrei voluto collaborare con loro, infatti non ho nemmeno risposto all’email, ma io sono buono, quindi vi parlerò ugualmente di questo sito di “aste” al centesimo, dando la mia opinione, che come nei casi precedenti non è di certo entusiasta.

Vediamo in breve come funziona:

come tutti questi siti, hanno un catalogo di prodotti molto interessante, iPad, iPod, macchine fotografiche, TV ecc. e la promessa è sempre la stessa, cioè quella di farvi spendere pochi euro per uno di questi dispositivi che ne vale molti di più.

La promessa è veritiera, ma come sempre viene presentato come se fosse un gioco da ragazzi e sopratutto senza far notare più di tanto l’enorme cifra che potremmo ritrovarci a spendere per poi non portare a casa niente.

Il meccanismo è molto semplice:

  • si devono acquistare dei pacchetti di offerte
  • ogni offerta costa 0,5€
  • ogni asta parte sempre da 0€
  • ogni offerta fa alzare il prezzo di 0,01€
  • c’è un timer che va verso lo zero, ma ogni offerta lo fa ripartire da circa 15 secondi
  • quando il timer arriva a zero e nessun altro fa offerte, l’ultimo ad averne fatta una si aggiudica l’oggetto al prezzo raggiunto

Sembra semplice vero?

Vediamo se con l’immagine seguente(presa dal loro sito) vi sembra ancora così semplice


Avete già fatto i calcoli?

l’iPad 2 ha un valore di 549€, in realtà quel modello costa 484€ in Apple Store, ma questo è solo un dettaglio trascurabile, perché comunque chi se lo è aggiudicato lo pagherà 90,73€ quindi un affare in ogni caso, ma adesso calcoliamo quanto è stato speso da tutti gli utenti che non lo hanno vinto.

Come ho scritto prima ogni offerta costa 0,5€ e fa alzare il prezzo di 0,01€, quindi per arrivare a 90,73€ sono stati fatte 9073 offerte, per un totale che va nelle tasche di Bidirivals di ben 4536,50€ cioè quasi 10 volte il valore reale dell’oggetto.

Come sempre, il banco vince ed è giusto che sia così, quindi niente di strano, il mio consiglio è solo quello, se proprio volete giocare, di cercarne che diano probabilità più alte di vincita, ho scritto giochi volutamente, perché anche in questo caso conta la fortuna, chiamarla asta non ha senso, perché se dopo di voi nessun altro farà offerte sarà solo ed esclusivamente questione di fortuna, e se non avrete questa fortuna(molto probabile non averla) avrete speso 0,5€ per ogni tentativo, che sembrano pochi, ma vi assicuro che è un attimo farsi prendere la mano e lasciare in questo modo decine se non centinaia di euro, quindi fate ATTENZIONE!!!!

  • Giambattista

    A me solo il fatto di dover “Pagare” per fare un offerta farebbe venire i brividi……ma nella logica di ognuno viene “pagherò meno di quanto guadagnerò” , si anche se vi concentraste su un solo oggetto dubito che riuscireste a comprarlo……magari solo una Ferrari Enzo ( sicuro che la mettono in vendita ) ma avreste comunque speso una baracca di soldi………a questo punto o cercate di rivenderla al prezzo effettivo o vi piangete l’oggetto strappato con le unghie e i denti……

  • Per vincere le aste al centesimo è semplice registratevi su siti nuovi con pochi utenti e quindi poche puntate e maggiori possibilità di vincere, esempio provate www.********* è nuovo.

    edit by Swarro: certo, vieni qui a spammare altri siti…dai su evitiamo certi commenti grazie

  • Andy

    Ragazzi un po di giorni fa ho scoperto un programma si chiama astamonitor ed è compatibile con prezzipazzi e bidoo, è semplicemente geniale mi permette di vedere tutte le puntate che fanno gli altri utenti ma sopratutto quanti utenti stanno partecipando all’asta che seguo. La mia strategia è stata quella di aspettare che gli utenti finissero le puntate e che rimanessero solo in due, mi ci sono buttato e ho vinto. l’unica cosa è che il programma si paga. io ho acquistato la versione base 7 euro e ve lo consiglio prima che si diffonda troppo sulla rete.