Lug 042013
 

no taxOggi vi parlo dello sconto NO TAX che spesso viene proposto insieme a determinate offerte degli operatori, credo sia necessaria un po’ di chiarezza, spesso infatti gli utenti dei forum fanno confusione.

Per prima cosa, cos’è la Tassa di Concessione Governativa(TCG)? potete leggere il dettaglio a questo link, ma in sintesi è una tassa da corrispondere ALLO STATO per ogni contratto di telefonia mobile, non riguarda quindi le ricaricabili e si differenzia in 2 tipologie/costi:

  • uso privato —> €5,16
  • uso affari —> €12,91

Come detto prima le compagnie di telefonia mobile spesso abbinano a determinate offerte una promo chiamata “NO TAX”, l’utente quindi sottoscrivendo queste offerte non dovrà pagare la TCG…ecco, è quest’ultimo punto che non è molto chiaro, una compagnia telefonica non può certo decidere di non far pagare una tassa dovuta allo stato e infatti non lo fa. Quello che avviene, ed è sufficiente consultare una fattura in cui è presente una promo NO TAX, è che la compagnia applica al cliente uno sconto incondizionato pari alla tassa stessa, quindi in fattura la tassa verrà pagata, ma allo stesso tempo si riceverà uno sconto di €5,16 che quindi nel caso di uso privato va a rimborsare per intero la TCG.

Nella pratica non cambia niente, ma è un dettaglio da tenere in considerazione e vi spiego perché, a mio parere, le compagnie lo chiamano “promo no tax” e non semplicemente “sconto di 5,16€”, con un esempio le cose dovrebbero essere chiare.

Piccola premessa: da anni ormai si parla di abolizione della TCG, non so in quanto tempo, ma probabilmente prima o poi verrà abolita veramente, questo è il motivo per cui non viene semplicemente chiamato “sconto”, è una sorta di tutela dell’operatore…veniamo all’esempio:

  1. Tariffa da 20€ con “promo NO TAX per sempre”, la fattura sarà da 20€ + 5,16€ di TCG – promo NO TAX da 5,16€ —> il totale della fattura diventerà 20€ e l’utente è come se non avesse pagato la TCG. In questo caso quando e se verrà abolita la TCG, automaticamente la compagnia non applicherà più la promo perché la tassa non esisterà più, l’utente continuerà quindi a pagare 20€
  2. Tariffa da 20€ con “sconto incondizionato di 5,16€ per sempre”, la fattura sarà da 20€ + 5,16€ di TCG – sconto incondizionato da 5,16€ —> il totale della fattura diventerà 20€ e rispetto a prima non cambierebbe niente all’atto pratico, ma quando verrà abolita la TCG le cose cambieranno, perché la TCG non dovrà più essere pagata, ma la compagnia non potrà interrompere lo sconto di 5,16€, perché non è legato alla tassa e da contratto è dovuto “per sempre”, alla compagnia andranno quindi in tasca 5,16€ in meno rispetto alla situazione precedente

Un altro piccolo dettaglio è da far notare a chi ha un contratto per uso affari e quindi paga una TCG di 12,91€, in questa situazione nel 99% dei casi il rimborso previsto dalle varie “promo no tax” è comunque riferito al valore della TCG per uso privato, quindi 5,16€ e non all’intero importo di 12,91€, questo a confermare quanto scritto prima, cioè che non si tratta di non pagare la tassa, ma molto più semplicemente di ricevere uno sconto da 5,16€.

Probabilmente vi ho solo aumentato la confuzione vero?? ahahahah…l’importante è pagare le tasse 😉