Apr 142014
 

Prezzipazzi cambia ancora

PrezziPazzi cambia ancora, non è la prima volta che il sito di “aste” modifica il meccanismo di giocata, in questo articolo vi avevo spiegato com’era inizialmente e com’è poi cambiato in meglio circa 1 anno fa, dal 7 aprile 2014 le cose cambiano ancora.
Qui di seguito incollo quanto riportato sulla pagina Facebook ufficiale

“Da lunedì 7 aprile PREZZI PAZZI diventerà completamente GRATUITO e non ci saranno più i pacchetti acquistabili (quelli da 25€ a 350€).
Nel nuovo sito potrai accumulare (per il momento) fino a 1500 puntate ogni mese vincendo le aste di puntate (quelle da 10,25 e 50 puntate).
In più e in qualsiasi momento, se vorrai potrai accumulare più puntate giocando le aste “Vinci Tutto”.
Da lunedì quindi non sarà possibile acquistare ulteriori puntate e l’accesso alle aste riservate, questo cambiamento è stato fatto per dare a tutti la possibilità di giocare, con uguali possibilità di vittoria.
PrezziPazzi è il leader delle aste sociali in italia dal 2010 e vogliamo continuare a stupirvi e darvi ottime possibilità di acquisto.
Un tuo feedback/opinione è molto importante per noi e ti ringraziamo se vorrai farci partecipe con un tuo commento a questo post.”

Prima di tutto vi invito a leggere il mio articolo precedente per capire meglio di cosa si tratta PrezziPazzi, inutile ripetere tutto qui.

Anche oggi voglio solo puntualizzare meglio il meccanismo, in questo caso molto più semplice, che determina il guadagno di PrezziPazzi, guadagno che giustamente ci deve essere.

La nuova procedura prevede che si partecipi in modo “gratuito” alle aste per aggiudicarsi le puntate, con queste si potrà poi partecipare a quelle per l’aggiudicazione degli oggetti, anche in questo caso c’è un piccolo particolare che stona leggermente, cioè quel GRATUITO scritto maiuscolo da PrezziPazzi, si perché ovviamente completamente gratuito non lo può essere e ci mancherebbe altro, non sono una ONLUS.

Ogni asta “gratuita” per aggiudicarsi le puntate da utilizzare, in realtà ha un costo, al termine infatti si dovrà sostenere la spesa relativa all’aggiudicazione dell’oggetto più le spese di spedizione e transazione che da quello che ho visto vanno da 1€ a 3€ in base al numero di puntate in palio.

Ipotizziamo quindi di partecipare all’asta per l’aggiudicazione di 10 puntate e di essere così bravi da fare l’ultima puntata quando il contatore è ancora molto basso, diciamo 0,02€…ecco in realtà le 10 puntate non ci costeranno solamente 2 centesimi, ma a questi dovremo aggiungere le spese che dicevo prima, in questo caso 1€, ecco quindi che avremo pagato le nostre 10 puntate 1,02€, il che non rende gratuito il gioco, anche perché 10 puntate non sono di certo tante per poi poter partecipare alle aste con buone probabilità di vincita.

È vero che possono sembrare pochi euro, ma dipende tutto da “quanti pochi euro” dovrete spendere per avere un numero sufficiente di puntate e grazie a queste riuscire poi ad aggiudicarvi l’oggetto ad un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato.

Nessuno regala niente quindi state pur sicuri che alla fine a guadagnarci sarà sempre il banco, in questo caso PrezziPazzi.

Lo ribadisco, è giusto così, niente di strano, ma il mio intento è sempre il solito, cioè far si che siate consapevoli di quello che state facendo, state giocando ad un gioco a cui avete più possibilità di perdere piuttosto che di vincere, se non fosse così, se come qualcuno vuole farvi credere, aggiudicarsi un oggetto da 1000€ con pochi spiccioli fosse un gioco da ragazzi, PrezziPazzi avrebbe chiuso bottega già da anni.